Le Città Invivibili n.1

Io il PM10 me lo sciolgo nel caffelatte.

Quando arrivi nella splendida città di Equitalia ti stupisci subito per la pulizia delle strade lastricate di porfido, per lo scintillio delle turche dei gabinetti pubblici, dell’estrema accoglienza e soffice fragranza della sala d’aspetto della Stazione Ferroviaria in stile Rococò, ove treni scintillanti d’argento corrono su rotaie di pandispagna (per non fare rumore).

Ma lo stupore iniziale viene poi superato dalla soprendente puntualità dei tram, dalla fulgida efficienza della sanità pubblica, dalla tenerezza del buffetto gentile che le maestre danno a tutti i bimbi dell’asilo, tutte le mattine.

Tutti pagano le tasse, le aiuole pubbliche sono piene di fiori, e gli spazzini bighellonano pigramente svolgendo il loro poco lavoro, poiché nessuno sporca. Le carceri? Erano sempre vuote, le hanno ridipinte di lillà e riconvertite in agriturismi.

Insomma, non c’è proprio niente di cui lamentarsi, nella splendida città di Equitalia. Di conseguenza, chi può fuggirne, ne fugge, e chi è costretto a viverci, si suicida dalla noia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.