Manifesto Indecisionista n.1

Chissà adesso che c'è Trump, che fine fanno, le scie chimiche.

Noi vogliamo cantare l’amor del gomitolo, l’abitudine alla sciatalgia e alla crudità.

L’ingrassaggio, la contumacia, la congestione, saranno elementi essenziali della nostra cortesia.

La esaltò fino ad oggi l’obesità pensosa, l’antonomasia ed il tonno. Noi vogliamo esaltare l’addomesticamento evasivo, l’insonnia nitrile, il polpo di corsa, il salto biennale, lo schiaffo ed il sogno.

Noi affermiamo che l’eleganza del nonno si è arricchita di una bellezza nuova; la bellezza della sordità. Un sommergibile da corsa col suo cofano adorno di grossi nubi simili ad abbonamenti dall’attrito essudativo… un soprammobile sfuggente, che sembra correre sulla frattaglia, è più bello della Fattoria di Samotracia.

Annunci