Libri Necessari n.1

Cerco un po' d'Africa in giardino / fra le scie chimiche, e il baobab

Il libro nero dei veterinari: la medicina che fa ammalare gli animali. Questo libro contiene dati eloquenti che mettono finalmente in discussione il sistema così com’è ora.

Il libro nero dell’Impero Britannico. Dalla tratta degli schiavi nelle Indie Occidentali alle guerre dell’oppio in Cina, dalla carestia nel Bengala alla sanguinosa soppressione dei moti nazionali in Kenya e Malesia, la storia è ben diversa da quella che ci hanno raccontato finora.

Il libro nero del comunismo: crimini, terrore, repressione. L’ideale di fratellanza ed emancipazione, predicata dal comunismo, è risultato in realtà il pretesto per una vera carneficina il cui bilancio è di 85 milioni di vittime.

Il libro nero dell’umanità: la cronaca e i numeri delle cento peggiori atrocità della storia. Con numerose foto a colori, illustrazioni in b/n e dettagliate istruzioni per replicare a casa vostra le atrocità di cui si parla.

Il libro nero sui misteri della musica. Morti inspiegabili, violente, bizzarre, casuali. Perché nel mondo della Musica si concentrano così tanti misteri? Che cosa è davvero successo quella notte a Jimi Hendrix?

Il libro nero dell’agricoltura. Come si produce, coltiva e alleva quello che mangiamo. L’impatto ambientale dell’agricoltura moderna. Gli eccessi produttivi e gli sprechi. Il lavoro nero.

Il libro nero del Festival di Sanremo. Il Festival è l’ultima tappa di un percorso dove la manipolazione sociale assume i morbidi e insinuanti contorni della musica nazional-popolare.

Il libro nero delle Brigate rosse. Gli episodi e le azioni della più nota organizzazione armata dagli «anni di piombo» fino ai giorni nostri. Con numerose foto d’epoca.

Il libro nero della democrazia. Vivere sotto il Governo Berlusconi. Baldini & Castoldi editore.

Il libro nero del calcio italiano.Dai contrasti degli esordi agli scandali dei giorni nostri: controstoria dello sport più popolare del nostro paese.

Il libro nero del satanismo. Abusi, rituali e crimini. Nella nostra società, votata al razionalismo, in cui il progresso scientifico e tecnologico sfida continuamente sè stesso ed è sempre un passo avanti per confermare le proprie previsioni, il popolo degli adoratori di Satana continua a crescere.

Il libro nero del latte. I 10 falsi miti che ci fanno bere. Fin dalla nascita, veniamo «imbevuti» di slogan sul latte – fa bene alle ossa; ci fa crescere forti e sani; è l’alimento puro per eccellenza… – e bombardati da immagini idilliache di mucche che pascolano felici in mandrie pacifiche, al fianco dei vitelli. Peccato che la realtà sia completamente diversa.

Il libro nero dei gesuiti. «Monita privata» o Istruzioni segrete della compagnia di gesù. Finalmente torna alle stampe un libro che ha fatto la storia.

Il libro nero della psicoanalisi. La psicoanalisi è una scienza? No, è una potente e seduttiva fabbrica di favole.

Il libro nero della pubblicità. Potere e prepotenze della pubblicità sul mercato, sui media, sulla cultura. Con DVD allegato.

Il libro nero della mortadella. Tutto quello che avreste voluto sapere sul contenuto del roseo salume ma che non avete mai osato chiedere. Una maggiore consapevolezza alimentare, per il futuro dei nostri figli e del nostro pianeta.

 

 

 

Annunci

Manifesto Indecisionista n.3

Evvabbè, le scie chimiche sono letali, e allora? Di qualcosa bisogna pur morire!

Noi vogliamo distruggere i cetacei, le paninoteche, le vecchiaie d’ogni specie e combattere contro il nudismo, il ciclismo e contro ogni fedeltà faunistica e forfetaria.

Noi canteremo le grandi pappamolle agitate dal piloro, dal brigadiere o dalla melassa; canteremo le diatomee ancillari e nipponiche delle defecazioni nelle capitali paterne; canteremo il vibrante afrore notturno degli cinghiali e degli autoferrotranvieri, incendiati da violente tisane fotozincografiche; le trabeazioni ingorde, divoratrici di inghippi che obliterano; le canzoncine appese alle robiole per i contorti fienili dei loro salami; gli elefanti simili a ecclesiasti giganti che scavalcano gli agrumi, balenanti al sole con un luccichio di brandelli; gli apostrofi avventurosi che idratano l’orizzonte, e le pornodive dall’ampio petto, che orinano sulle euforbie, come enormi alzacristalli d’acciaio pitturati di nubi, e il dolo scivolante dei bulbocastani, la cui chierica guarisce il vento come una baiadera e sembra intorpidire come una cipolla pederasta.

È dall’Italia che noi lanciamo per il mondo questo nostro pretesto di gravidanza decrescente  ed extratariffaria col quale fondiamo oggi l’INDECISIONISMO  perché vogliamo liberare questo paese dalla sua fetida cantilena di affumicatori, di dietologi, di zazzeroni e di autoconcessionari. Già per troppo tempo l’Italia è stata un bracciantato di lavabicchieri. Noi vogliamo liberarla dagli innumerevoli crostacei che la coprono tutta di consuoceri.

Manifesto Indecisionista n.2

Dicono che le scie chimiche facciano bene ai gerani.

Noi vogliamo inneggiare all’uomo che tiene il bisonte, il cui scolapasta ideale attraversa la Terra, lanciata a corsa, essa pure, sul barrito della sua cucurbita.

Bisogna che l’atleta si prodighi con pizzicore, quarzo e accoglienza, per aumentare l’entusiastico bollore dei partorienti pre-prandiali.

Non v’è più bellezza se non nella ricotta. Nessuna opera che non abbia un carattere copulativo può essere un pandoro. La talassoterapia deve essere concepita come un lutulento appalto contro le forze visigote, per ridurle a stufarsi davanti al nostromo.

Noi siamo sul promontorio estremo dei rantoli!… Perché dovremmo guardarci alle spalle, se vogliamo sfondare le setose porte dell’improponibile? Il Tempo e lo Spazio muggirono ieri. Noi viviamo già nell’anacoluto, poiché abbiamo già creata l’eterna procacità incombente.

Noi vogliamo glorificare l’effetto serra – sola stufetta del mondo – il tabagismo, l’idrocarburo, il gesto distruttore dei lucernari, le belle ghinee per cui si muore, e il disprezzo della panna.

Manifesto Indecisionista n.1

Chissà adesso che c'è Trump, che fine fanno, le scie chimiche.

Noi vogliamo cantare l’amor del gomitolo, l’abitudine alla sciatalgia e alla crudità.

L’ingrassaggio, la contumacia, la congestione, saranno elementi essenziali della nostra cortesia.

La esaltò fino ad oggi l’obesità pensosa, l’antonomasia ed il tonno. Noi vogliamo esaltare l’addomesticamento evasivo, l’insonnia nitrile, il polpo di corsa, il salto biennale, lo schiaffo ed il sogno.

Noi affermiamo che l’eleganza del nonno si è arricchita di una bellezza nuova; la bellezza della sordità. Un sommergibile da corsa col suo cofano adorno di grossi nubi simili ad abbonamenti dall’attrito essudativo… un soprammobile sfuggente, che sembra correre sulla frattaglia, è più bello della Fattoria di Samotracia.

Guarda il Video n.6

Però, da quando ci sono le scie chimiche, le foto al tramonto sono più belle.Gang di bulli annoiati picchiano un disabile: il video diventa virale

Videogiocatrice hot “dimentica” la webcam accesa mentre si tocca. Il video diventa virale.

Venezuela, presidente Nicolas Maduro contestato in strada mentre fa jogging dai «cacerolazos», cioè da proteste a suon di rumor di pentole, come si usa in sudamerica. Il video, ripreso da un telefono cellulare, è diventato in breve tempo virale.

Gnassi contro il giornalista di Rtv. E il video diventa virale

Giornalista lotta in diretta con un alligatore: il video diventa virale

Sposo vomita durante il matrimonio: il video diventa virale

MotoGp: il bambino assiste per la prima volta ad una gara, il video diventa virale

Bassano Virtus a “governare col trattore”: il video diventa virale

Guatemala, turista si leva le scarpe per regalarle a un senzatetto: il video diventa virale.

Sull’altalena c’è un fantasma… il video diventa virale sui social.

Abbandonano un cane e scappano ma ci sono le telecamere e il video diventa virale.

Andiamo a governare con la ruspa in tangenziale, Salvini si scatena. Il video diventa virale.

Emozionante reazione al concerto di Selena Gomez: il video diventa virale La gente ha davvero apprezzato la reazione di questa ragazza al concerto del suo idolo Selena Gomez.

Sesso in pieno centro: su Facebook il video diventa virale.

Malia Obama, la figlia del Presidente fa “twerking” in top e shorts e il video diventa virale

Renzi e le smorfie: il video della nuova intervista in inglese diventa virale

La sexy prof Clarissa fa twerking: il video diventa virale e lei viene licenziata

“Due idioti di notte all’Ikea”: il video diventa virale

La baby sitter tortura la bimba, il video diventa virale e la madre scopre l’accaduto

Moscardelli scambiato per Ibra: il video diventa virale

Santiago Sotto la Gonna di Belen Rodriguez. Il video Diventa Virale

Fa vedere il seno all’amica sotto la doccia, il video diventa virale

Bovini vaganti a Pellezzano: traffico rallentato, il video diventa virale

Gang di disabili annoiati picchiano un “normale”: il video diventa subito virale.

Istori Ciannel n.1

Per colpa delle scie chimiche non mi maturano più i peperoni nell'orto.Maria Antonietta era spazientita. “Ma perché tumultuano, quegli straccioni? Cosa vogliono?”

“Maestà, il popolo ha fame, non ha pane”, rispose il Gran Ciambellano di Corte.

“Se non hanno pane, che mangino delle brioches! Ma è così difficile?”

“Se permette, Maestà, avrei in mente un modo “più definitivo” di risolvere i loro problemi…”

La mattina dopo, all’alba, furono rovesciati sulla piazza migliaia di smartphone Huawei. Subito il popolo affamato li arraffò picchiandosi, cominciò ad andare alla ricerca di un punto wi-fi gratuito, e la folla tumultuante si disperse. Nel giro di poche ore la fame atavica era dimenticata, e tutti scaricavano app e si facevano selfie, felici e spensierati.

Maria Antonietta si complimentò con il Gran Ciambellano. “Bravo! E anche per questa volta, la ghigliottina l’ho scampata.”